Disabili - Comune di Capriate San Gervasio (BG)

COMUNE | UFFICI E SERVIZI | Servizi Sociali | Disabili - Comune di Capriate San Gervasio (BG)

 

I servizi rivolti alle persone disabili si propongono quali strumenti di aiuto e di integrazione delle capacità personali, e come ausilio alle famiglie impegnate nell’attività di cura e di assistenza.

Il progetto viene sempre definito con i servizi specialistici e territoriali presenti, in collaborazione e con il consenso della persona, ove possibile, e/o della sua famiglia. L’Accesso e la fruizione al servizio viene verificato dal servizio sociale e valutato in modo differenziato in relazione alla tipologia dei servizi offerti dal Comune, dal territorio e dall’ASL, ed in relazione al grado di disabilità dei soggetti.

Possono essere offerti interventi di sostegno e di verifica:
1. intervento educativo domiciliare per minori disabili: per aiutare i ragazzi durante il pomeriggio, per lo svolgimento dei compiti o partecipare ad attività durante il tempo libero
2. consulenza per valutare le potenzialità lavorative e per costruire progetti mirati per inserirsi nel mondo del lavoro
3. sostegno educativo individualizzato per l’inserimento ai CRE estivi
4. inserimento temporaneo in strutture protette per brevi periodi per offrire un periodo di “sollievo” alla famiglia per la cura del proprio familiare disabile
5. inserimento al servizio SFA di formazione all’autonomia, dove svolgono attività per stimolare l’autonomia personale e mantenere rapporti sociali significativi
6. sostegno educativo individuale ai disabili inseriti al micro-nido
7. SAD (Servizio di Assistenza Domiciliare) per la cura della persona non autosufficiente
8. trasporto presso centri educativi e scuole
9. invalidità civile
10. cercare lavoro
11. modalità per ottenere contributi per l’acquisto di strumenti tecnologicamente avanzati (es. computer)
12. informazioni relative ai servizi presenti sul territorio (CSE e CRH di Bonate Sotto, scuola potenziata di Bonate Sotto)

 

RICONOSCIMENTO DI INVALIDITA’ CIVILE ED EVENTUALI BENEFICI ECONOMICI

Per invalidità civile si intende una condizione di salute che comporta una riduzione significativa delle capacità lavorative, motorie e/o psichiche.
Il riconoscimento dell'invalidità civile permette di accedere ad alcune agevolazioni e benefici, anche economici.

Come fare la richiesta
La richiesta di riconoscimento dell’invalidità va presentata all’Ufficio Invalidi dell’ASL di Ponte San Pietro, in via Caironi, 2. Al modulo per la richiesta, disponibile anche presso l’Ufficio Servizi Sociali del Comune di residenza, occorre allegare un certificato medico (che viene rilasciato dal medico di famiglia, dal medico specialista o dal medico dell’ospedale in caso di ricovero).

La Commissione medica dell’ASL valuta la situazione sanitaria del richiedente e successivamente invia il verbale  con la risposta all'interessato .

I benefici possono essere:

  • assegni mensili per inabilità
  • pensioni di invalidità
  • indennità di accompagnamento
  • altri benefici (esenzione ticket, possibilità utilizzo  gratuito dei mezzi di trasporto pubblici, utilizzo di ausili sanitari, esenzioni di tipo fiscale, benefici ex legge 104, …).

Nota: Se l'invalido muore prima di riscuotere il beneficio economico, gli eredi possono chiedere di riscuotere le rate maturate e non riscosse. Il modulo per la richiesta è disponibile presso l'Ufficio Invalidi Civili.

GLI ASSEGNI SONO LIQUIDATI DALL'INPS.

 

ASSISTENZA DOMICILIARE

Il servizio si rivolge prevalentemente ad anziani e disabili, sia non autosufficienti che parzialmente autosufficienti.
Consiste in una serie di prestazioni a domicilio finalizzate ad aiutare e a sostenere la persona, un aiuto concreto per l’igiene, per i rapporti con l’esterno, per l’accompagnamento e, in casi particolari, per la pulizia dell’abitazione.

Richiesta

Per accedere al servizio occorre rivolgersi all’Assistente Sociale del Comune che, sulla base dei bisogni accertati, attiva i relativi percorsi.

Alla richiesta occorre allegare:

  • L'autocertificazione prevista dal Decreto del Presidente della Repubblica del 20/10/98 n.403 per la situazione anagrafica e reddituale
  • Ogni altra documentazione che venga ritenuta utile alla valutazione del bisogno.

Il Servizio può prevedere la parziale o totale contribuzione al costo sulla base delle fasce di reddito del richiedente e dei famigliari conviventi.

 

CERCARE LAVORO

Sul libretto di lavoro, istituito nel 1935, venivano annotati i dati riguardanti le esperienze lavorative del titolare e l'assunzione regolare nelle aziende.
Il libretto è stato recentemente abolito e verrà sostituito da una carta elettronica personale contenente le esperienze professionali e formative del lavoratore (sulla base degli art. 2 e 8 del Decreto Legislativo 19 dicembre 2002, n. 297 pubblicato sulla G.U. n. 11 del 15.01.2003 che abroga la legge 10 gennaio 1935, n. 112, per la quale il rilascio del libretto spettava al Sindaco) e sarà rilasciato dai Centri per l'Impiego. Tutte le schede professionali saranno caricate su una banca dati a disposizione delle aziende in cerca di personale

Chi cerca un'occupazione o vuole cambiare lavoro, ha la possibilità di percorrere molte strade.
Può attivarsi autonomamente, per esempio consultando gli annunci, inviando il curriculum alle aziende, oppure può rivolgersi ai servizi e alle agenzie presenti sul territorio tra cui i Centri per l'Impiego.
I Centri per l'impiego offrono gratuitamente agli utenti servizi di accoglienza, informazione, preselezione, orientamento professionale e al lavoro.

Per informazioni più specifiche e per consultare le proposte di lavoro della nostra provincia,
è possibile contattare il Centro per l’impiego di Ponte S. Pietro e consultare il sito della  Provincia di Bergamo: www.provincia.bergamo.it (tel.: 035/611404)

In particolare si ricorda che nel sito si possono consultare le richieste di lavoro pervenute ai Centri per l’impiego di tutta la Provincia di Bergamo.

Come iscriversi
I minori di 18 anni devono aver adempiuto all’obbligo scolastico.

Occorre presentare:

  • Documento d’identità
  • Tesserino d'attribuzione del codice fiscale
  • Autocertificazione del reddito lordo e del carico famigliare
  • Autocertificazione di altri titoli (studio, formazione professionale...)
  • Permesso di soggiorno se stranieri


Per quanto riguarda il collocamento dei disabili, si sottolinea che presso la sede di Bergamo è attivo il servizio che si occupa di inserimento e integrazione lavorativa dei disabili, come indicato dalla Legge 68/99, che ha modificato la disciplina delle assunzioni obbligatorie.
Per informazioni tel. 035.387275

 

Pubblicato il 
Aggiornato il 
Risultato (179 valutazioni)