TARI - Tassa Rifiuti - Comune di Capriate San Gervasio (BG)

COMUNE | UFFICI E SERVIZI | Ragioneria e Tributi | TARI - Tassa Rifiuti - Comune di Capriate San Gervasio (BG)

 

 

TARI

Tassa sui Rifiuti

BANNER

 

 

 

n questa sezione sono fornite informazioni sulla TARI - Tassa Rifiuti, entrata in vigore dal 01/01/2014 con contestuale soppressione della TARES

 

 

Descrizione

La TARI è destinata a finanziare i costi del servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti.
Il presupposto della TARI è il possesso o la detenzione a qualsiasi titolo di fabbricati, compresa l'abitazione principale e le pertinenze della stessa, di aree scoperte nonché di aree fabbricabili, a qualsiasi uso adibiti. suscettibili di produrre rifiuti urbani.
 
La TARI è commisurata all'intero anno solare, ed è dovuta limitatamente al periodo dell'anno nel quale si verificano le condizioni di possesso o di detenzione a qualsiasi titolo.

 

Icona di un file PDF Regolamento Imposta Unica Comunale – parte I Tassa Rifiuti

 

Destinatari

Al pagamento della TARI sono tenuti i seguenti soggetti:

  • chiunque, persona fisica o giuridica, possieda, occupi o detenga a qualsiasi titolo locali o aree scoperte ad uso privato o pubblico, a qualsiasi uso adibiti, suscettibili di produrre rifiuti urbani e/o assimilati, con vincolo di solidarietà tra i componenti del nucleo familiare e tra coloro che usano in comune i locali e le aree stesse;

  • chiunque, persona fisica o giuridica, possieda, occupi o detenga a qualsiasi titolo locali e aree che non vengono utilizzati;

  • chiunque possieda, occupi o detenga a qualsiasi titolo le aree scoperte che non costituiscono accessorio o pertinenza di locali tassabili (es. campeggi, distributori di carburanti, banchi di vendita all'aperto, sale da ballo all'aperto);

La TARI è dovuta dall'intestatario del foglio di famiglia anagrafico, nel caso in cui l'occupante i locali sia ivi residente, o a carico di chi ha comunque a disposizione i locali negli altri casi.

 

Dichiarazione

 I soggetti passivi della TARI presentano la dichiarazione entro il termine del 30 giugno dell'anno successivo a quello in cui si è verificato il fatto  che ne determina l’obbligo. Le circostanze per le quali è necessario presentarla sono:
a) l’inizio, la variazione o la cessazione dell’utenza;
b) la sussistenza delle condizioni per ottenere agevolazioni o riduzioni;
c) il modificarsi o il venir meno delle condizioni per beneficiare di agevolazioni o riduzioni.
Le utenze domestiche residenti non sono tenute a dichiarare il numero dei componenti la famiglia anagrafica e la relativa variazione, salvo i casi in cui il dato non sia rilevabile dall’anagrafe comunale.

Nel caso di occupazione in comune di un'unità immobiliare, la dichiarazione può essere presentata anche da uno solo degli occupanti.

La dichiarazione, redatta su modello disponibile gratuitamente presso l'Ufficio Tributi comunale ovvero reperibile nel sito internet del Comune, ha effetto anche per gli anni successivi sempreché non si verifichino modificazioni dei dati dichiarati da cui consegua un diverso ammontare della tassa; in tal caso, la dichiarazione  di variazione o cessazione va presentata entro il 30 giugno dell'anno successivo a quello in cui sono intervenute le predette modificazioni.

La dichiarazione deve essere presentata:
 a) per le utenze domestiche: dall’intestatario della scheda di famiglia nel caso di  residenti e nel caso di non residenti dall’occupante a qualsiasi titolo;
 b) per le utenze non domestiche, dal soggetto legalmente responsabile dell’attività  che in esse si svolge;
 c) per gli edifici in multiproprietà e per i centri commerciali integrati, dal gestore  dei servizi comuni.

 

 

Modalità di versamento e Tariffe

Il versamento della tariffa è effettuato mediante modello F24 disponibile gratuitamente presso qualsiasi Ufficio Postale o Sportello Bancario entro le seguenti scadenze:

  • 1^ rata - I  acconto entro il 17 Giugno 2019
  • 2^ rata - II acconto entro il 16 Settembre 2019
  • 3^ rata - Saldo entro il 16 dicembre 2019

In alternativa è allegato anche il modello F24 unica soluzione da pagare entro il 17/06/2019.

Nel modello dovrà essere inserito:

codice catastale B703 - (che identifica gli immobili situati nel Comune di Capriate San Gervasio) 
codice tributo 3944


Il Comune invia gli avvisi di pagamento tramite la società Ecoisola Spa. L'eventuale mancata ricezione dell'avviso di pagamento e dei relativi modelli F24, non esime il contribuente dal versare la TARI entro i termini di scadenza sopra indicati. 


 

TARIFFE

Le tariffe TARI per l'anno 2019 sono state stabilite nella Delibera di Consiglio Comunale n.07 del 25/02/2019

Icona di un file PDF Tariffe Tari


ERRATA COMPILAZIONE MODELLI DI VERSAMENTO F24


Errata digitazione da parte dell'intermediario (banca o posta) del codice catastale del Comune.
Con l'utilizzo del F24 per il pagamento dei tributi locali, si sono riscontrati casi in cui il contribuente presenta, in banca o in posta, il modello F24 con l'esatta indicazione del codice catastale B703 corrispondente al Comune di Capriate San Gervasio, ma, a causa di un errore di digitazione dell’operatore, viene inserito nel terminale un codice differente con conseguente riversamento della somma ad altro Comune.

Su richiesta dell'interessato, che presenta la delega modello F24 in proprio possesso contenente l'esatta indicazione del codice Comune (B703), le banche e gli uffici postali devono procedere alla rettifica del codice ai sensi della Risoluzione n. 2/DF del 13 dicembre 2012 del Ministero dell’Economia e delle Finanze.
In questo modo, l'intermediario provvederà all'annullamento del modello F24 che contiene l'errore e a inviarlo nuovamente con i dati corretti affinchè la somma sia riversata al Comune di Capriate San Gervasio.
I contribuenti che si trovano in questa situazione sono invitati ad inoltrare una richiesta scritta (può essere utilizzato il modello in allegato già predisposto dal Comune), alla banca o all’ufficio postale nel quale hanno eseguito il versamento, al fine di ottenere la correzione dell'errore sulla base del modello F24 cartaceo in loro possesso, evitando nel contempo ulteriori richieste di pagamento da parte del Comune di Capriate San Gervasio. Una copia della lettera dovrà essere inviata (anche a mezzo e-mail) o consegnata per conoscenza al Comune di Capriate San Gervasio (indirizzo già prestampato).
Si precisa che il Comune non può chiedere direttamente la correzione, in quanto si tratta di un rapporto privatistico tra la banca/posta e il contribuente, pertanto sarà quest’ultimo che dovrà chiedere la correzione presentando idonea documentazione dalla quale sia rilevabile l'errore.

Icona di un file PDF Rettifica errata trascrizione codice catastale sul mod. F24 (da inoltrare all'ufficio bancario o postale che ha commesso l'errore di digitazione)

 

 

 

 

Pubblicato il 
Aggiornato il 
Risultato (179 valutazioni)